VolleyMania

Subscribe to VolleyMania feed VolleyMania
La voce della pallavolo di Roma e del Lazio
Updated: 6 hours 19 min ago

Cala il sipario: si chiude la stagione 2019-2020

Tue, 07/04/2020 - 15:27

Cala il sipario sulla stagione 2019-2020. Il Campionato di A1, sospeso prima che la Zanetti Bergamo potesse disputare la ventesima giornata di Regular Season, si vede costretto a rinunciare il proprio cammino.

“Quella della Lega Pallavolo Femminile – commenta il Direttore Generale del Volley Bergamo, Giovanni Panzetti – è stata una decisione ovvia e dettata dal fatto che non esistono le condizioni pratiche per proseguire. A Bergamo non sussistono nemmeno le condizioni morali visto il dramma quotidiano che stiamo vivendo. Dobbiamo rispetto a chi non c’è più, a chi sta soffrendo e a chi sta lottando. E deve essere un rispetto totale.
Per quanto riguarda il futuro, analizzeremo con cura la situazione quando saremo più sereni”.

L’esito delle votazioni sottoposte ai Club di Serie A1 e A2 in merito alla conclusione dell’attuale stagione sportiva ha determinato quanto segue.

Per quanto riguarda la Serie A1:
- il termine anticipato del Campionato 2019-20;
- la proclamazione dell’Imoco Volley Conegliano quale vincitrice della Regular Season;
- lasciare come da norma alla FIPAV la decisione in merito alla assegnazione o meno dello Scudetto;
- l’accesso alle Coppe Europee 2020/21 secondo la classifica del 16 febbraio 2020, successiva alla 19° giornata di Regular Season, l’ultima disputata da tutte le squadre di Serie A1;
- l’annullamento delle retrocessioni dalla Serie A1 alla Serie A2.

Per quanto riguarda la Serie A2:
- il termine anticipato del Campionato 2019-20;
- la promozione dalla Serie A2 alla Serie A1 delle due squadre che attualmente occupano le prime due posizioni della Pool Promozione;
- l’annullamento delle retrocessioni dalla Serie A2 alla Serie B1.

Tali determinazioni verranno sottoposte dal Presidente Mauro Fabris alla FIPAV. Insieme alla Federazione, nel caso vi siano le condizioni e in considerazione delle decisioni che assumerà la CEV riguardo la conclusione delle Coppe Europee, il CdA di Lega valuterà soluzioni eventualmente diverse.

L’Assemblea ha inoltre stabilito che il termine di presentazione delle domande di Ammissione ai Campionati 2020-21 è fissato al 13 luglio.

L’Assemblea ha infine conferito mandato alla Commissione Congiunta di A1 e A2 di trattare con i rappresentanti dei procuratori una riduzione degli ingaggi relativi alla stagione 2019-20.

Gli esiti dell’Assemblea sono stati analizzati proprio dal Presidente Fabris sul canale Facebook della Lega Pallavolo Serie A Femminile: guarda qui l’intervista
scopri di più su volleybergamo.it

Ufficio Stampa

Print PDF

Tuscania Volley. La serie A si ferma qui.

Tue, 07/04/2020 - 15:23

Il dg Cappelli: “Decisione giusta”

Conclusione anticipata per i campionati di serie A di pallavolo. Lo hanno deciso ieri in videoconferenza le consulte dei presidenti della maschile e l’assemblea dei club di serie A femminile.
Un esito pressoché unanime che ha tenuto conto delle problematiche che avrebbe comportato il prosieguo, se pur tra un mese o più, con evidenti problemi organizzativi, fisici e soprattutto di sicurezza rispetto alla salute che ne sarebbero conseguiti.
A decidere su eventuali promozioni e retrocessioni sarà in seguito la Federazione Italiana Pallavolo.
“In effetti credo che a questo punto la decisione era inevitabile – dice il DG del Tuscania Volley Alessandro Cappelli. In questo particolare momento va salvaguardata in primo luogo la salute degli atleti, degli staff e dei tifosi; lo sport può e deve fare un passo indietro. Da un punto di vista sportivo ci dispiace, eravamo secondi in classifica e pronti ad affrontare un girone play off che ci avrebbe sicuramente visto protagonisti nella lotta per la promozione ma, ripeto, pur nella amarezza di non poter difendere le nostre ambizioni sportive, riteniamo sia giusta la decisione di concludere qui il campionato. Confidiamo comunque di uscire presto da questa situazione che attanaglia la nostra Nazione. Nel frattempo non ci fermiamo, vogliamo assicurare ancora che a Tuscania si giochi una pallavolo di alto livello, pertanto ci rimbocchiamo le maniche e pensiamo già ora a costruire un futuro che ci veda ancora protagonisti ai massimi livelli. Tutti insieme ce la faremo”.
Giancarlo Guerra
Ufficio Stampa Tuscania Volley

Print PDF

Stagione finita, per la UYBA Champions League e Supercoppa Italiana

Tue, 07/04/2020 - 10:34

L’Assemblea delle Società aderenti alla Lega Pallavolo Serie A Femminile ha deciso, al termine della riunione di lunedì 6 aprile, i termini per la conclusione della stagione 2019/2020, duramente colpita dall’emergenza Coronavirus.
Per quanto riguarda la Serie A1, fatta eccezione per la decisione riguardante l’assegnazione dello scudetto, che sarà demandata alla Fipav, è stato determinato che l’Imoco Conegliano ha vinto la Regular Season, che verranno annullate le retrocessioni, che per l’accesso alle coppe europee 2020/21 sarà considerata la classifica al 16 febbraio 2020.
Per la Unet e-work, seconda in graduatoria, arriva dunque la possiblità di partecipare alla nuova edizione della Champions League, massima competizione continentale, dalla quale manca dalla stagione 2014/15, anno in cui arrivò a giocare la finale.
Non solo: la UYBA sarà protagonista della prossima Supercoppa Italiana, proprio contro l’Imoco Conegliano.
Giuseppe Pirola (presidente UYBA Volley): “Il flagello del Coronavirus ha colpito anche la pallavolo e, anche se a malincuore, abbiamo deciso di sospendere le attività: è stato inevitabile. Nella speranza che la situazione sanitaria migliori e che ci siano presto le condizioni per tornare a parlare di sport e di partite, non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per la nostra stagione, che ci ha portato in alto, come mai negli ultimi anni: la qualificazione a Supercoppa e Champions ne sono i risultati tangibili”.

Ufficio Stampa UYBA – Giorgio Ferrario

Print PDF

Stagione 2019-2020: arriva il fischio finale!

Tue, 07/04/2020 - 10:32

Tiberti

Stop definitivo alla stagione per serie A2 e A3 – La Superlega valuta la
possibilità di giocare i Play off se le condizioni dell’emergenza
sanitaria lo consentiranno

La decisione è unanime e arriva al termine della Consulta di lunedì 6
aprile tra i presidenti delle 12 società di Serie A2, riunitisi in
videoconferenza per valutare la possibilità di portare a termine il
campionato, interrotto domenica 8 marzo in seguito all’emergenza
Coronavirus.
La stagione 2019-2020 è conclusa: impossibile pensare ad un ritorno in
campo per i Tucani, mancano le condizioni per una ripresa in sicurezza.
“Il Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo, acquisito il
parere delle tre Consulte, recepisce la volontà della sospensione
definitiva dei Campionati si Superlega, serie A2 e A3″, recita il
comunicato appena diffuso da Lega Volley.
Ora la palla passa alla Federazione, che ha la responsabilità
dell’ordinamento dei campionati e si esprimerà al più presto su
retrocessioni e promozioni.
“È stato conferito mandato ad una commissione composta dall’AD Massimo
Righi e dagli avvocati Stefano Fanini (Consigliere) e Fabio Fistetto
(consulente di Lega) di curare la gestione quadro delle trattative
economiche con atleti e staff – continua il comunicato . La Consulta di
Superlega ha discusso inoltre la possibilità di riaprire il proprio
campionato per giocare i play-off, qualora ci siano le condizioni e le
opportune autorizzazioni delle autorità governative e sanitarie”.

Per coach Roberto Zambonardi si tratta di “Una decisione dolorosa, ma
inevitabile. Atlantide, come le altre società della serie A2, ha da
subito messo al centro la tutela di giocatori, staff e tifosi e sta
lavorando in anticipo per garantire che la prossima stagione sia ancora
ambiziosa e avvincente come lo è stata questa, pur interrotta, che ha
regalato a Brescia la sua prima finale di Coppa Italia e tante domeniche
di grande spettacolo in un San Filippo sempre più caloroso”.

Ufficio Stampa

Print PDF

Si chiude il sipario: arriva lo stop definitivo dei campionati di serie A2 e A3

Tue, 07/04/2020 - 10:29

Arriva infine la decisione definitiva per lo stop delle categorie di serie A2 e A3, con uno spiraglio di riaprire un play off di Superlega qualora le condizioni di sicurezza sanitaria siano presenti.
Di seguito il comunicato ufficiale della Lega Pallavolo serie A:
“Il Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo, acquisito il parere delle tre Consulte, recepisce la volontà della sospensione definitiva dei Campionati

Si sono riunite oggi in tre distinte videoconferenze le Consulte di SuperLega, Serie A2 e Serie A3 Credem Banca con l’obiettivo di discutere sul prosieguo dei Campionati.
Il Consiglio di Amministrazione ha recepito il parere espresso a larga maggioranza (11 su 13) dalla Consulta di SuperLega e all’unanimità dalle Consulte di Serie A2 ed A3 che hanno richiesto la sospensione definitiva delle tre Serie.
Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi al termine delle Consulte, comunicherà la volontà espressa da quest’ultime alla Federazione, che ha la responsabilità dell’ordinamento dei Campionati, attendendo le sue determinazioni.
È stato altresì conferito mandato ad una commissione composta dall’AD Massimo Righi e dagli avvocati Stefano Fanini (Consigliere) e Fabio Fistetto (consulente di Lega) di curare la gestione quadro delle trattative economiche con atleti e staff.
La Consulta di SuperLega ha discusso inoltre la possibilità di riaprire il proprio Campionato per giocare i Play Off, qualora ci siano le condizioni e le opportune autorizzazioni delle Autorità Governative e sanitarie.”
Si chiude così il sipario su una stagione a dir poco emozionante, che riassumendola in poche righe ha visto Olimpia giocare la sua ultima partita con il raggiungimento della Coppa Italia e fermandosi con la serie di 13 vittorie consecutive, chiudendo al secondo posto in classifica a -6 dalla prima con una partita in meno rispetto a tutte le altre, partita rinviata a causa dell’emergenza sanitaria che ha investito la città a fine febbraio.
Ci sarà un tempo per descriverne le gesta e per approfondire quanto fatto, ma oggi è il giorno dell’epilogo definitivo di un campionato memorabile.
Foto: Silvia Colombo
Linda Stevanato-Ufficio stampa Olimpia Bergamo

Print PDF

A3M> Sabaudia: campionato sospeso, ecco i dettagli.

Tue, 07/04/2020 - 10:12

Pozzuoli: «Credo proprio che sia stata una decisione saggia anche in virtù della situazione sanitaria». Capriglione: «Fondamentale mettere un punto a questa stagione».

SABAUDIA (6/4/2020, ufficio stampa) – Il Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo, acquisito il parere delle tre Consulte, recepisce la volontà della sospensione definitiva dei Campionati. Si sono riunite oggi in tre distinte videoconferenze le Consulte di SuperLega, Serie A2 e Serie A3 Credem Banca con l’obiettivo di discutere sul prosieguo dei Campionati.
Il Consiglio di Amministrazione ha recepito il parere espresso a larga maggioranza (11 su 13) dalla Consulta di SuperLega e all’unanimità dalle Consulte di Serie A2 ed A3 che hanno richiesto la sospensione definitiva delle tre Serie.

Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi al termine delle Consulte, comunicherà la volontà espressa da quest’ultime alla Federazione, che ha la responsabilità dell’ordinamento dei Campionati, attendendo le sue determinazioni.
È stato altresì conferito mandato ad una commissione composta dall’AD Massimo Righi e dagli avvocati Stefano Fanini (Consigliere) e Fabio Fistetto (consulente di Lega) di curare la gestione quadro delle trattative economiche con atleti e staff.
La Consulta di SuperLega ha discusso inoltre la possibilità di riaprire il proprio Campionato per giocare i Play Off, qualora ci siano le condizioni e le opportune autorizzazioni delle Autorità Governative e sanitarie.

LE DICHIARAZIONI
La Sabaudia Pallavolo, formazione che partecipa al campionato di serie A3, girone blu, al momento della conclusione delle attività occupava la nona posizione.

«Credo proprio che sia stata una decisione saggia anche in virtù della situazione sanitaria a livello nazionale e internazionale, tant’è che abbiamo visto come siano state addirittura posticipate le Olimpiadi giapponesi e, in maniera più vicina a noi, abbiamo assistito all’annullamento della Coppa del Mondo di canottaggio a Sabaudia – chiarisce il presidente Alessandro Pozzuoli – la nostra posizione era già piuttosto chiara e l’avevamo espressa due settimane fa, anche perché ribadisco che al primo posto va messa la tutela e la salute di tutti e sono certo che anche nelle altre realtà sportive sia prevalsa questa valutazione. Ora aspettiamo di capire quali saranno le valutazioni che verranno fatte dagli organi competenti per conoscere quale sarà lo scenario in cui ci muoveremo nella fase che seguirà questa decisione della Consulta». Il posizionamento in classifica della formazione pontina, al momento dell’ultima partita disputata, vedrebbe il Sabaudia impegnato nei play-out, ma in questo momento è complicato capire quale potrà essere il futuro e, certamente, nei prossimi giorni si conosceranno i dettagli relativi alle decisioni federali.

«Sono sempre stato convinto che sarebbe stato fondamentale mettere un punto a questa stagione, nella consulta tutte le società di A3 hanno votato a favore del congelamento e della chiusura di questa stagione, ora sarà la Federazione italiana pallavolo a valutare la situazione decidendo sulla situazione delle promozioni e delle retrocessioni – spiega Capriglione – Al momento non ne sappiamo molto, ci sono alcuni ragionamenti in corso e aspetteremo quello che decideranno i vertici federali in merito. Per noi, per la nostra programmazione, era cruciale che almeno questa stagione fosse chiusa perché sarà già molto complicato immaginare il futuro ora, figuriamoci se questa decisione fosse avvenuta tra qualche tempo». Poi l’analisi del dirigente pontino si sposta sui giocatori. «Molti di loro avevano richiesto di poter tornare presso le proprie abitazioni e li abbiamo accontentati».

Nelle foto: Alessandro Pozzuoli

Print PDF

Sospesa definitivamente la Regular Season di SuperLega

Tue, 07/04/2020 - 10:08

spiraglio per i Playoff qualora ci siano le condizioni

Si sono riunite oggi in tre distinte videoconferenze le Consulte di SuperLega, Serie A2 e Serie A3 Credem Banca con l’obiettivo di discutere sul prosieguo dei Campionati.
Il Consiglio di Amministrazione ha recepito il parere espresso a larga maggioranza (11 su 13) dalla Consulta di SuperLega e all’unanimità dalle Consulte di Serie A2 ed A3 che hanno richiesto la sospensione definitiva delle tre Serie. Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi al termine delle Consulte, comunicherà la volontà espressa da quest’ultime alla Federazione, che ha la responsabilità dell’ordinamento dei Campionati, attendendo le sue determinazioni. È stato altresì conferito mandato ad una commissione composta dall’AD Massimo Righi e dagli avvocati Stefano Fanini (Consigliere) e Fabio Fistetto (consulente di Lega) di curare la gestione quadro delle trattative economiche con atleti e staff.
La Consulta di SuperLega ha discusso inoltre la possibilità di riaprire il proprio Campionato per giocare i Play Off, qualora ci siano le condizioni e le opportune autorizzazioni delle Autorità Governative e sanitarie.

UFFICIO STAMPA A.S. Volley Lube
ufficiostampa@lubevolley.it

Print PDF

Robertlandy Simon protagonista assoluto a #campionidacasa

Tue, 07/04/2020 - 10:06

le risposte del gigante cubano

Robertlandy Simon, il “gigante buono”, inaugura la terza settimana consecutiva di #campionidacasa. Il centrale cubano della Cucine Lube Civitanova si è raccontato ai tanti tifosi collegati durante la diretta delle 18 sulla pagina Instagram @asvolleylube. Un viaggio tra passato e presente, arricchito da tante curiosità sul giocatore biancorosso. Scopriamole insieme! Martedì alle 18 nuovo appuntamento con Andrea Marchisio.
Giocheresti con la nazionale italiana se potessi?
“Non credo, non la sento mia. Se dovessi scegliere una nazionale diversa dalla mia preferirei una che non ha vinto nulla, diventerebbe una sfida molto più divertente”
Ricordi la finale mondiale 2010? Tu con Cuba contro Bruno al Brasile?
“Me la ricordo, persa brutalmente 3 a 0. Eravamo una squadra molto giovane ma giocavamo senza paura e senza niente da perdere”
Come mai hai aperto due ristoranti a Civitanova?
“Andavo spesso a Riccione a mangiare nel ristorante brasiliano di Marta e Mauro che ora sono i miei soci. Abbiamo deciso di aprire due locali a Civitanova per averli più vicini, uno dei quali per la stagione estiva”
Il miglior ricordo di Piacenza?
“A Piacenza è iniziata la mia carriera da professionista. Ho iniziato a vivere da solo in un mondo dove non conoscevo nulla, i tifosi si sono comportati benissimo. Uno dei più bei ricordi è la vittoria della Coppa Italia al PalaDozza di Bologna ma ce ne sono tanti altri che mi hanno cambiato la vita”
Come mai poi la scelta Cucine Lube?
“Mi ha dato l’opportunità di tornare in Italia, mi hanno detto che qui si giocava per vincere. Il campionato italiano è il migliore al mondo, i tifosi sono fantastici”
Una volta terminata la carriera pensi di restare a vivere a Civitanova?
“C’è la possibilità, è un bel posto e la gente mi piace”
I piatti marchigiani che preferisci?
“Non li conosco molto ma il ciauscolo mi fa morire (ride)”
Hai giocato con De Cecco e Bruno, chi è meglio?
“Sono grandi palleggiatori e grandi persone, mi trovo bene con entrambi. A fare la differenza sono i piccoli dettagli che però riguardano la squadra non il singolo giocatore”
Ti ha convinto Osmany a venire alla Lube?
“Veramente Matteo Carancini, il team manager, l’ho avuto a Piacenza, è una bravissima persona. Ci provava da tempo a convincermi e alla fine sono venuto. Sicuramente anche Juantorena ha messo un po’ di piccante come dico io”
Sei bravo a variare la battuta, in base a cosa decidi quale fare?
“Decido al momento, provo ad essere il più imprevedibile possibile per fare ace o destabilizzare gli avversari”
La vittoria più bella?
“Sicuramente la finale scudetto dell’anno scorso contro Perugia, giocare lì è davvero difficile e il tifo ti mette tanto sotto pressione”
Oltre a te chi è il centrale più forte del mondo?
“A me piace molto Lisinac, è veramente forte. Ce ne sono tanti altri ma il centrale non fa la differenza in una partita, siamo lì per aiutare la squadra”
La tua prima impressione all’Eurosuole Forum?
“C’è gente sana a cui piace la pallavolo. Il primo allenamento mi è piaciuto tanto”
Cosa mangi il giorno della partita?
“Abbiamo un menù scaramantico: pasta al pomodoro a pranzo, qualcuno in bianco e sempre il pollo”
L’attaccante più difficile da murare?
“Ce ne sono tanti, al centro tutti sono difficili da murare: devi prendere il tempo, tutti hanno un modo diverso di attaccare e devi adattarti a loro”
Quanto conta il gruppo nei risultati della squadra?
“Il nostro è uno sport di squadra, senza gruppo non si vince. Non basta essere un bravo giocatore, se non entri a far parte della “famiglia” non vinci”
Il tuo sestetto ideale?
“Scelgo Sokolov-Bruno; schiacciatori Juantorena e Leal; al centro Lisinac-Muserskiy e Grebennikov libero”
Con che motivazioni sei tornato a far parte della Nazionale Cubana? Resta il sogno Olimpiadi per il 2024?
“Mi piace tornare a casa e dare una mano alla mia nazionale. Hai il tuo popolo al tuo fianco, è vero, non abbiamo vinto e non ci siamo qualificati. Quando in futuro questo gruppo giovane ne avrà la possibilità, il popolo sarà contento”
Quando la squadra è in difficoltà, tu tiri sempre fuori dal buco i compagni, come fai ad essere così positivo?
“Mia madre quando giocava a pallacanestro non mollava mai. Finché non finisce la partita non si molla mai”
Cosa provi quando muri i migliori giocatori?
“Quando li muri nei momenti migliori della partita si prova qualcosa, basta un solo muro nel momento più bello”
Com’è nato il gesto famoso di far girare la palla sul dito prima della battuta?
“Quando ero piccolo i miei giocavano a pallacanestro. Nella nazionale cubana c’era un giocatore che lo faceva. Da lì ho provato ed è rimasto tutt’ora”
Il tuo massimale di salto?
“A Piacenza, 3 metri e 87”.

UFFICIO STAMPA A.S. Volley Lube
ufficiostampa@lubevolley.it

Print PDF

L’Assemblea dei Club di Serie A Femminile vota per la conclusione anticipata della stagione

Tue, 07/04/2020 - 10:04

Imoco proclamata vincitrice della Regular Season, stop alle retrocessioni. Sul canale Facebook di Lega l’intervista al presidente Fabris

Si è riunita nel tardo pomeriggio di lunedì 6 aprile, in videoconferenza, l’Assemblea delle Società aderenti alla Lega Pallavolo Serie A Femminile.

L’esito delle votazioni sottoposte ai Club di Serie A1 e Serie A2 in merito alla conclusione dell’attuale stagione sportiva ha determinato quanto segue.

Per quanto riguarda la Serie A1:
- il termine anticipato del Campionato 2019-20;
- la proclamazione dell’Imoco Volley Conegliano quale vincitrice della Regular Season;
- lasciare come da norma alla FIPAV la decisione in merito alla assegnazione o meno dello Scudetto;
- l’accesso alle Coppe Europee 2020/21 secondo la classifica del 16 febbraio 2020, successiva alla 19° giornata di Regular Season, l’ultima disputata da tutte le squadre di Serie A1;
- l’annullamento delle retrocessioni dalla Serie A1 alla Serie A2.

Per quanto riguarda la Serie A2:
- il termine anticipato del Campionato 2019-20;
- la promozione dalla Serie A2 alla Serie A1 delle due squadre che attualmente occupano le prime due posizioni della Pool Promozione;
- l’annullamento delle retrocessioni dalla Serie A2 alla Serie B1.

Tali determinazioni verranno sottoposte dal Presidente Mauro Fabris alla FIPAV. Insieme alla Federazione, nel caso vi siano le condizioni e in considerazione delle decisioni che assumerà la CEV riguardo la conclusione delle Coppe Europee, il CdA di Lega valuterà soluzioni eventualmente diverse.

L’Assemblea ha inoltre stabilito che il termine di presentazione delle domande di Ammissione ai Campionati 2020-21 è fissato al 13 luglio.

L’Assemblea ha infine conferito mandato alla Commissione Congiunta di A1 e A2 di trattare con i rappresentanti dei procuratori una riduzione degli ingaggi relativi alla stagione 2019-20.

Gli esiti dell’Assemblea sono stati analizzati proprio dal Presidente Fabris sul canale Facebook della Lega Pallavolo Serie A Femminile: guarda qui l’intervista.

Print PDF

Lega Maschile: si alla sospensione definitiva

Tue, 07/04/2020 - 10:01

Il Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo, acquisito il parere delle tre Consulte, recepisce la volontà della sospensione definitiva dei Campionati

Si sono riunite oggi in tre distinte videoconferenze le Consulte di SuperLega, Serie A2 e Serie A3 Credem Banca con l’obiettivo di discutere sul prosieguo dei Campionati.

Il Consiglio di Amministrazione ha recepito il parere espresso a larga maggioranza (11 su 13) dalla Consulta di SuperLega e all’unanimità dalle Consulte di Serie A2 ed A3 che hanno richiesto la sospensione definitiva delle tre Serie.

Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi al termine delle Consulte, comunicherà la volontà espressa da quest’ultime alla Federazione, che ha la responsabilità dell’ordinamento dei Campionati, attendendo le sue determinazioni.

È stato altresì conferito mandato ad una commissione composta dall’AD Massimo Righi e dagli avvocati Stefano Fanini (Consigliere) e Fabio Fistetto (consulente di Lega) di curare la gestione quadro delle trattative economiche con atleti e staff.

La Consulta di SuperLega ha discusso inoltre la possibilità di riaprire il proprio Campionato per giocare i Play Off, qualora ci siano le condizioni e le opportune autorizzazioni delle Autorità Governative e sanitarie.

Print PDF

Partecipazione e creatività: il grande successo dei concorsi “a distanza” del Volley Scuola-Trofeo Acea

Mon, 06/04/2020 - 14:45

Silvia Perrone

Arrivano i primi lavori degli studenti. I docenti e le scuole hanno ricevuto dalla FIPAV Lazio materiale didattico sull’acqua e una brochure sull’alimentazione

I docenti delle 300 squadre iscritte al Volley Scuola-Trofeo Acea hanno ricevuto in questi giorni del materiale didattico sull’acqua, prodotto dall’ACEA e un LINK per visionare, da domani su www.volleyscuola.eu, una brochure sull’alimentazione ideata dalla stessa FIPAV Lazio in collaborazione con la FAO, il Ministero degli Affari Esteri, l’Associazione per Franco Favretto e l’Università Telematica San Raffaele. Lo sforzo organizzativo del Comitato Regionale FIPAV Lazio sta raccogliendo frutti copiosi. Nel momento in cui tutto s’è fermato per il Coronavirus, comprese le gare del torneo di pallavolo, beach volley e sitting volley dedicato alle scuole di Roma e provincia, i concorsi legati all’evento sono diventati una forma di didattica “a distanza” per i docenti di Educazione Motoria.

“Il filo diretto che da anni lega il nostro Comitato e Volley Scuola ai docenti e agli alunni non si è mai interrotto” afferma Alessandro Fidotti, responsabile Territorio e Promozione del Comitato e convinto tifoso del progetto sin dall’inizio. “È stato grazie al contatto quotidiano con alcuni professori che s’è fatta strada l’ipotesi di utilizzare i concorsi per un’integrazione della didattica a distanza. È bastato un sms esplorativo per ottenere l’adesione di un gran numero di essi. L’ACEA ci ha fornito materiale didattico sull’uso consapevole dell’acqua ed è nata anche una brochure a colori sull’alimentazione, sul rapporto cibo-sport e sullo spreco nel mondo occidentale. Argomenti che insieme agli spunti sulla parte sportiva del Torneo, sulle vicende personali e di gruppo, hanno iniziato a produrre eccellenti lavori in ognuna delle quattro sezioni dei concorsi.”

“Raccontaci Volley Scuola”, “Click&Volley”, “Comics on the net” e la realizzazione di uno slogan sull’uso consapevole dell’acqua avranno l’ulteriore possibilità di trattare il tema dell’alimentazione. Anche la FAO ha accettato di mettere a disposizione una linea diretta per alunni e docenti per suggerimenti e spunti. Soddisfatto il Presidente della FIPAV Lazio Andrea Burlandi. “Il grande slancio di Volley Scuola supera ogni ostacolo, anche in questo frangente così particolare alunni e professori stanno idealmente “giocando” il torneo, esprimendo con grande fantasia le loro idee. In questo momento la pallavolo laziale sta soffrendo per lo stop di tutti i campionati a causa dell’emergenza Covid-19, ma la vicinanza degli studenti e dei professori ci fa sentire uniti nonostante le difficoltà. A oggi sono arrivati numerosissimi lavori, ma sino a metà maggio si saranno decuplicati, la Giuria avrà il suo da fare. Ci auguriamo che a fine maggio sarà possibile organizzare la tradizionale premiazione, altrimenti la faremo in teleconferenza”. Volley Scuola Trofeo ACEA è inaffondabile.

*i lavori allegati al presente comunicato sono i primi arrivati in ordine di tempo. I partecipanti dovranno mandare i propri lavori all’indirizzo press@fipavlazio.it e territorioepromozione@fipavlazio.it entro e non oltre il 16 maggio 2020.

Giorgio Marota
Ufficio stampa – Settore Comunicazione

Print PDF

Seconda Challenge per il settore giovanile Millenium

Sun, 05/04/2020 - 10:55

La seconda sfida del giovanile vede in prima posizione Colombi (under 16), Savio, Tiberti, Foresti (under 13 e 14) e Campanini (under 13 young)

Dopo il successo ottenuto dalla Prima Challenge Millenium, con le vincitrici Nina Colombi per il gruppo Under 16/18 e da Roberta Filippini per il gruppo Under 13/14, la Seconda Challenge Millenium va nuovamente a Nina Colombi per la categoria delle grandi. Nella categoria delle giovani leonesse l’oro a pari merito è per Gaia Savio, Chiara Tiberti e Anita Foresti. New entry nella sfida la categoria Under 13 Young che vede al primo posto Giorgia Campanini.

“La prima challenge è stata accolta con entusiasmo dalle nostre atlete– sottolinea Lucrezia Catania, responsabile giovanile Millenium – per questo abbiamo deciso di proseguire con una seconda sfida, in questo caso pensata da coach Perego. Se la scorsa settimana l’abilità era principalmente legata alla tecnica della pallavolo, questa settimanaAggiungi un nuovo appuntamento per questa settimana le atlete si sono dovute cimentare nell’utilizzo dei propri riflessi, imparando una tecnica nuova per vincere”.

Il tema della seconda challenge, che si è svolta nel weekend del 28- 29 Marzo, è stato scelto da coach Gabriele Perego: abilità con le monete. La sfida consiste nel mettere più monete possibili appoggiate sul gomito e riuscire a prenderle al volo con la stessa mano. La challenge consiste quindi nel prendere più monete possibili al volo, considerando gli spazi a disposizione quindi casa, o, eventualmente, giardino, portico, cortile o al massimo nei 200 metri di fronte a casa.

Prime tre classificate della seconda challenge categoria Under 16/18:
1^classificata Nina Colombi
2^classificata Marta Bossini
3^classificata Lucrezia Piovani – Alessandra Manca – Giorgia Sbaraini – Elena Sanasi

Prime tre classificate della seconda challenge categoria Under 13/14:
1^classificata Gaia Savio – Chiara Tiberti – Anita Foresti
2^classificata Valentina Maggiori – Sara Rossi – Lara Francesca Gadaldi
3^classificata Roberta Filippini

Prime tre classificate della seconda challenge categoria Under 13 Young:
1^classificata Giorgia Campanini
2^classificata Beatrice Isabella Schwarz – Vanessa Mema
3^classificata Carolina Cannavò

Ecco il link per visualizzare i video delle prime tre classificate della Seconda Challenge Millenium al completo: https://youtu.be/YmHD0QggHHc

Comunicato della Prima Challenge Millenium: http://www.milleniumbs.com/prima-challenge-per-il-settore-giovanile-millenium/

Print PDF

B1F> Un’abruzzese “adottata” in terra cremasca

Sat, 04/04/2020 - 10:53

la quarantena speciale di Elena Maria Cicoria ed Elisa Rossi

La palleggiatrice classe 2002 sta vivendo questo periodo particolare a casa della schiacciatrice di due anni più giovane nell’abitazione di famiglia a Scannabue. Il racconto simpatico delle loro giornate

OFFANENGO (CREMONA), 3 APRILE 2020 – Nella scorsa estate, lungo il viaggio partito dall’A14 con direzione Offanengo non avrebbe certo potuto (come nessuno del resto) immaginare un’avventura così particolare, con tanti mesi di pallavolo interrotti a metà febbraio (a livello di gare) dall’arrivo dell’emergenza-Coronavirus. Una situazione purtroppo ormai nota a tutti, ma che – pur nella sua gravità e peso negativo – ha potuto regalare anche un’esperienza positiva. E’ il caso di Elena Maria Cicoria, giovanissima palleggiatrice (classe 2002) della Chromavis Abo che sta vivendo il periodo di quarantena generale in terra cremasca. Dall’inizio dell’emergenza, infatti, è stata “adottata” da un’altra giovanissima pallavolista della squadra, la schiacciatrice Elisa Rossi (di due anni più giovane), vivendo con la famiglia Rossi nell’abitazione di Scannabue. Un gesto da vero spirito di squadra, che permette alle due atlete di condividere tutte le giornate in questo periodo particolare.
“L’ADOTTATA” – “Mi hanno accolto – racconta Elena Maria Cicoria, abruzzese al suo primo anno al Volley Offanengo – molto bene, quando sono arrivata erano tutti contenti, sotto sotto anche Elisa (sorride). Non essendo da sole, ci divertiamo molto. La mia famiglia in Abruzzo sta bene, ci sentiamo spesso con i miei genitori e mio fratello, loro sono tranquilli e mio padre si sente spesso con Pietro (papà di Elisa Rossi)”. Quindi aggiunge. “Con Elisa ci alleniamo insieme, sfruttando l’ampio giardino dell’abitazione. Abbiamo il circuito studiato dal preparatore atletico della Chromavis Abo Massimiliano Mazzilli, adattiamo qualche attrezzo domestico, oltre a fare qualche palleggio e bagher. Insieme, inoltre, abbiamo iniziato a guardare una serie tv, “Le regole del delitto perfetto”. Cosa mi caratterizza nella vita quotidiana? Ho provato a cucinare dolci: il primo non è venuto, il secondo sì, era un ciambellone con yogurt e gocce di cioccolato. Insieme, invece, abbiamo fatto il salame di cioccolato, anche se abbiamo sbagliato un po’ le dosi”.
UN’AMICA AL PROPRIO FIANCO – “Un mesetto fa – racconta invece Elisa Rossi – dopo un riposino pomeridiano mi sono trovata sul telefono un suo messaggio che mi diceva se fossi pronta a sopportarla per un po’ di giorni e poi me la sono trovata in casa. A parte gli scherzi, avere un’amica vicino fa sempre piacere, a maggior ragione in questo momento. Il rapporto attuale lo avevamo anche prima, spesso veniva a casa mia anche in precedenza. Insieme abbiamo imparato a fare le maschere di bellezza al viso prima di andare a dormire, mentre Elena mi trascina nella verve culinaria, dove io sono negata. Abbiamo anche cucinato i tradizionali tortelli cremaschi, anche se a modo nostro”, ride.
LE “SCOPERTE” NEL VIVERE INSIEME – Via al fuoco incrociato con un pregio e un difetto scoperto in questo mese insieme. “Elena – racconta Elisa Rossi – è allegra, ha sempre voglia di scherzare e sorridere e non l’ho mai vista triste in questo periodo. Viceversa, è tremendamente testarda, si impunta sulle cose”. La palleggiatrice abruzzese risponde per le rime, proseguendo nel siparietto. “Ho scoperto che Elisa parla nel sonno e mi fa tanto ridere perché in casa combina un po’ di disastri. Il difetto? E’ molto, molto soggetta a sbalzi improvvisi d’umore”.
LE “PERLE” INDIMENTICABILI – Infine, le “perle”, quelle cose che ti fanno ridere e restano impresse nella memoria con il sorriso. “Non posso dimenticarmi l’odissea del telefono di Elisa – racconta Elena – caduto dalle scale, rimbalzato su un gradino e finito dentro al mocio pieno d’acqua poco più sotto. Eppure, lo abbiamo asciugato, lasciato un giorno e mezzo nel riso, una sera sopra la stufa e un giorno sotto al sole ed è tornato a funzionare”. “Elena – conclude Elisa – quando cucinava il suo ciambellone doveva mettere il cioccolato nel freezer e l’ha messo nel frigorifero, vicino alla verdura”.

Nelle foto, da sinistra Elena Maria Cicoria ed Elisa Rossi (Chromavis Abo) mentre palleggiano nel giardino di casa Rossi

Ufficio stampa Volley Offanengo 2011
Luca ZIliani

Print PDF

Fabio Balaso si rivela a #campionidacasa

Sat, 04/04/2020 - 10:42

le parole del libero della Cucine Lube Civitanova

Fabio Balaso ha chiuso la seconda settimana di incontri con #campionidacasa, rispondendo alle numerose domande degli spettatori collegati alla diretta delle 18, sempre sulla pagina Instagram @asvolleylube. Il libero della Cucine Lube Civitanova, tra le tante curiosità raccontate, ha anche svelato qualche trucco tecnico per la ricezione, scopriamole insieme.
Buonasera Fabio, hai appena concluso l’allenamento a distanza col preparatore Merazzi, raccontaci come sta andando
“Da casa, facciamo la solita routine: addominali e esercizi per braccia e gambe per tenere il più possibile il tono muscolare”
Partiamo subito con le domande dai tifosi: che emozione hai provato nel dover sostituire Grebennikov?
“Sicuramente una grandissima emozione. È stata dura però ho dato tutto me stesso e spero di aver fatto il possibile per sostituire Jenia che resta tuttora il più forte al mondo”
La vittoria più bella con la Lube?
“La Champions League a Berlino, affiancata allo scudetto vinto a Perugia”
Come sei diventato un pallavolista e ovviamente un libero così forte?
“Ho iniziato a 8 anni con la squadra del mio paese. Fino all’Under 16 facevo lo schiacciatore, poi per la statura sono passato al ruolo di libero”
Come ti trovi a Civitanova?
“Mi sono trovato subito bene, mi hanno accolto benissimo sia la gente per strada che i tifosi. È un bel posto dove vivere anche per il mare che mi piace molto, sono felice di essere qui”
Immaginavi mai di vincere così tanto?
“Sono contento di aver vinto così tanto in poco tempo, non mi aspettavo 4 successi consecutivi. Sono felice di far parte di questa squadra e società”
Cosa si prova a ricevere battute come quelle di Leon o Simon? Quale avversario temi di più in battuta?
“Sono due battute sicuramente impegnative, le più temute quelle di Leon e Atanasijevic”
Come hai vissuto l’esordio in biancorosso contro Padova?
“È stata una bella emozione, a Padova ho trascorso seri anni fantastici della mia carriera. Sono stato contento di rincontrare il pubblico di Padova”
Consigli per la ricezione?
“Per la ricezione un consiglio è la rapidità di gambe, rimanere sempre compatti col piano di rimbalzo e concentrati sulla traiettoria della palla”
Come vivi la quarantena?
“Per fortuna sono in compagnia della mia ragazza, la passiamo come tutti in casa. Facciamo pulizie, abbiamo un cagnolino da accudire, cuciniamo, guardiamo la tv”
Il tuo rapporto con i tifosi?
“Fin dall’inizio mi sono trovato bene, dalla presentazione pre-campionato ho ricevuto tanti complimenti. C’è sempre tanto calore dai tifosi, sono molto legato a loro”
Qual è il momento più difficile mentalmente durante la partita per un libero?
“Sicuramente nel finale del set, quando sei punto a punto. Rimanere concentrato sulle cose prestabilite, focalizzato sulla tattica di gioco studiata”
In allenamento sei un fenomeno anche a schiacciare, è vero?
“Un fenomeno no, però ci provo (ride)”
Sei uno dei pochi liberi che si prepara in ricezione stando sulle punte, come mai?
“È vero, l’ho notato anch’io. Mi viene naturale, cerco di essere sempre pronto per andare sulla palla anche quando arrivano fuori dal corpo”
Il tuo starting six ideale?
“Bruno-Sokolov, Juantorena-Leon, Simon-Lisinac, Grebennikov”
Com’è giocare in nazionale?
“È sempre una bellissima sensazione portare i colori dell’Italia sul petto. Sono onorato e contento di far parte di questo gruppo che si preparerà al meglio per le Olimpiadi posticipate al prossimo anno”
Lo scherzo più divertente avvenuto in spogliatoio?
“Uno degli scherzi più frequenti è lanciarci l’acqua ghiacciata mentre siamo in doccia”
Come ti trovi a ricevere tra Osmany e Leal?
“All’inizio è stato impegnativo, ci conoscevamo poco tempo e dovevamo ancora prendere feeling tra di noi, allenandoci è andata sempre meglio”
Cosa ti manca di Padova come città?
“Per prima cosa la famiglia, ma anche l’affetto dei tifosi che avevo a Padova che sono diventati grandi amici”
Come superi mentalmente gli ace consecutivi subiti?
“Non è facile superarli, devi pensare alla palla dopo che è sempre la più importante
Quanto ti manca il Palasport?
“Molto, stare a casa senza allenamento diventa sempre più duro. Ero sempre abituato a vedere i miei compagni anche due volte al giorno, mi mancano molto”

UFFICIO STAMPA A.S. Volley Lube
ufficiostampa@lubevolley.it

Print PDF

Il Presidente Martinelli: Solidarietà e passione: che grande famiglia.

Sat, 04/04/2020 - 10:39

Per il futuro penso al Club Roma maschile
Claudio Martinelli, presidente del Comitato Territoriale FIPAV Roma, è intervenuto ai microfoni di DTRadio – il format radiofonico della Dream Team Roma Pallavolo – per fare il punto della situazione a più di un mese dallo stop di tutti i campionati. “Mi mancano le gare, gli arbitri, gli allenatori, i ragazzi e le ragazze nelle palestre, i presidenti e tutti i miei collaboratori – ha dichiarato – Ma nel momento di difficoltà ci siamo stretti l’uno accanto all’altro, anche grazie alla tecnologia. Penso anche a tutte le persone che hanno aderito al nostro appello sull’andare a donare il sangue. Sono emozionato, sappiamo generare una forza e una passione incredibili. Per me è un onore guidare questa famiglia. Siamo distanti… ma sempre uniti”.
Aprile sarebbe stato il mese del Trofeo dei Territori, il programma sabato 18 e domenica 19 a Monterotondo. “L’abbiamo rinviato a data da destinarsi – è il commento di Martinelli – non vivere eventi del genere, in cui i giovani diventano i veri protagonisti, ci fa davvero male. Stiamo cercando di capire cosa fare con il Memorial Favretto di maggio ai Fori Imperiali, la grande festa del Volley S3. Non è facile rinunciare alla gioia dei bambini e delle bambine, ma in questo momento la salute è prioritaria”. A DTRadio il presidente ha ricordato la grande catena di solidarietà che si è generata nei giorni del Coronavirus: “Dal primo giorno abbiamo lanciato un messaggio: state a casa, ma non dimentichiamoci dei 30 mila tesserati che animano il nostro movimento. Beh, vorrei dire “grazie” a tutte le società per quello che stanno facendo. Sui social vedo video, contest, format, live e tantissimi contenuti che ci fanno sentire ancora più vicini. Tutti si stanno organizzando con allenamenti di gruppo in videochat, insomma è una grande reazione da parte di chi, come noi, non riesce a stare senza pallavolo. Quando si potrà tornare alla normalità? Oggi è difficile ipotizzare un’ipotesi di ripresa. Normalità per noi significa riaprire le palestre scolastiche. Quando il Governo darà il via libera alle scuole, potremmo pensare a finire la stagione. Oggi, però, non possiamo fare previsioni. Ragioniamo in base ai decreti e alle misure per limitare i contagi”.
Uno dei temi più discussi di queste ore riguarda il bonus previsto dal decreto “Cura Italia” per i collaboratori sportivi. “Io ritengo che 50 milioni sul mondo sportivo dilettantistico siano una goccia non nel mare, ma nell’oceano. Non sono bravo in matematica, ma credo che non vada a toccare neanche 1/3 della popolazione sportiva. Dovranno aumentare le risorse. Tutte le nostre società operano nell’ambito delle collaborazioni sportive e hanno diritto a ricevere un aiuto. Non è l’Inps, ma Sport e Salute che gestisce questa parte del Cura Italia. Ripeto, la somma è esigua”. Sulla proposta di scalare di un anno le categorie giovanili per permettere soprattutto ai nati e alle nate nel 2002 di concludere nel 2020-2021 i propri campionati: “È un’ipotesi. Noi abbiamo suggerito alla FIPAV Nazionale questa idea. Insomma ci piacerebbe, anche perché le finali nazionali giovanili non si terranno e sarebbe davvero doloroso negare a molti ragazzi e ragazze questa esperienza. Come sempre la FIPAV si muoverà unita e prenderà una decisione insieme”. Martinelli ha annunciato nel format della Dream Team Roma Pallavolo che il Consiglio Territoriale, prima dello stop, stava lavorando al “Club Roma maschile”: “Ne parlo per la prima volta pubblicamente. Stiamo ideando un progetto per migliorare la qualità nel settore maschile, dove c’è un problema di reclutamento. Ovviamente il Coronavirus ha rallentato tutto, ma il progetto piace molto e io credo possa essere una soluzione per alzare il livello della pallavolo giovanile romana. Quando saremo pronti spiegheremo tutti i dettagli”. Ovviamente non sarà l’unico tema da affrontare quando ripartirà la stagione. “I sacrifici che fanno le nostre società a volte si scontrano con tanti problemi – ha concluso il numero uno del CT Roma – la miopia di alcuni politici che non concedono gli spazi per fare l’attività sportiva, la decadenza delle palestre, il fatto di non riuscire a far giocare due squadre di Serie A in un impianto degno di una metropoli e di una Capitale sono le cose che mi fanno più male. Il nostro è un mondo che ha sempre riempito i palazzetti, i nostri eventi internazionali sono sempre stati un fiore all’occhiello. Questa straordinaria passione va rispettata e alimentata sempre”.

Giorgio Marota
Responsabile Comunicazione ed Eventi

Print PDF

Prorogata la sospensione dell’attività fino al 13 aprile

Sat, 04/04/2020 - 10:36

La Federazione Italiana Pallavolo, in riferimento alla situazione dell’infezione da CORONAVIRUS, nel prendere atto dell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri firmato in data 1 aprile e attenendosi dunque alle normative vigenti, ha conseguentemente stabilito la proroga della sospensione di qualsiasi attività, compresi gli allenamenti, fino al 13 aprile.
La FIPAV ancora una volta intende ribadire che il senso di responsabilità deve necessariamente essere alla base di ogni azione intrapresa in questi giorni e che l’unico obiettivo è quello di garantire la tutela dei propri tesserati.
NEWS generali

Fipav

Print PDF

U16M> VC Frascati, Zampana: “Abbiamo un bel gruppo, speriamo di tornare a giocare”

Fri, 03/04/2020 - 10:25

Frascati (Rm) – E’ una delle quattro squadre giovanili del Volley Club Frascati che sarà (sarebbe) impegnata nel tabellone conclusivo della sua categoria. L’Under 16 maschile (unica del settore dedicato agli uomini), come anche le Under 14, 16 e 18 femminili, ha disputato una buona prima parte di stagione e attende il superamento dell’emergenza Coronavirus per provare a terminare la stagione. “Un peccato questa pausa perché eravamo riusciti a creare un buono spirito di gruppo e volevamo disputare la parte finale di stagione provando a dare il massimo – dice il martello classe 2004 Alessio Zampana – E’ accaduto questo grave problema e quindi ora stiamo cercando di allenarci come possibile dentro casa, seguendo le indicazioni di coach Gianluca Micozzi”. Secondo Zampana proprio l’allenatore è stato uno dei “segreti” della positiva annata dell’Under 16 maschile. “Gianluca è un allenatore molto preparato che ci ha permesso di crescere sia dal punto di vista tecnico che mentale. Inoltre a livello umano ci è sempre stato vicino e ha saputo instaurare un dialogo costante con il gruppo”. Il giovane martello dà il suo giudizio sulla prima parte di stagione dell’Under 16 maschile tuscolana: “Ce l’abbiamo messa tutta e abbiamo concluso al terzo posto, alle spalle di Volley School Aprilia e Pavona Castel Gandolfo. Siamo convinti, però, di non essere inferiori a queste squadre e l’obiettivo nel tabellone conclusivo è quello di arrivare almeno nei primi tre posti e così garantirci l’accesso al tabellone di Eccellenza”. Zampana, al quarto anno nel Volley Club Frascati, è riuscito a ritagliarsi anche uno spazio nel gruppo della prima squadra (che milita in serie D) oltre ovviamente alla Seconda divisione dove gioca con costanza assieme ai suoi compagni di Under 16: “Poter fare esperienza in serie D è sicuramente importante per noi. All’inizio c’è stato un po’ di “timore”, ma sia coach Micozzi (che allena anche i grandi, ndr) che gli elementi più esperti del gruppo hanno facilitato il nostro graduale inserimento”.


Area comunicazione

Print PDF

Cv Volley: abbattiamo le distanze insieme

Fri, 03/04/2020 - 10:21

L’A.S.D. Civitavecchia Volley non si ferma ed è unita per vincere la partita più importante della stagione 2019-2020. La Cv Volley pur essendo fisicamente lontana dal campo a causa del Covid-19 resta unita e fa squadra attraverso gli schermi. Mantenere i contatti ed allenarsi insieme è la via scelta per abbattere le distanze sociali. Tantissime sono state le iniziative promosse dalla società ed abbracciate da tutte le squadre e i tecnici.
Ogni settimana allenatori, dirigenti ed atleti si incontrano in uno spazio virtuale connettendosi in videochiamata per condividere le proprie giornate e fare squadra.

“Giochiamo insieme” è il progetto lanciato da coach Andrea Gabelli per i bambini del Volley S3 e del Microvolley. Giochi e semplici esercizi da svolgere in casa in sicurezza che permette ai piccoli pallavolisti di passare del tempo giocando in videochiamata, strumento utilizzato anche da Gabelli per allenare i gruppi under 12, ricreando l’atmosfera della palestra in casa.

Il preparatore atletico Giuseppe Ruggiero invece ha preparato il protocollo “Alleniamoci insieme”, degli esercizi per i ragazzi più grandi con serie e ripetizioni, utili per mantenere attivi gli atleti durante questo periodo di limitata attività fisica.

Grande supporto per i ragazzi sono anche le challenge ideate dal direttore sportivo Cristiano Cesarini: delle sfide a colpi di bagher e palleggio che tutti i ragazzi hanno accolto rispondendo all’iniziativa con tantissimi video.

“Sono tanti i modi in cui si può essere vicini pur essendo lontani- afferma la Presidente Viviana Marozza- in questo momento è importante abbattere le distanze che ci separano, aiutare i nostri ragazzi a non isolarsi e a mantenere il senso di apparenza che è uno dei nostri valori portanti.”

Consorzio Litorale IN Volley
Sara Sansone
Addetto Stampa

Print PDF

Salvatore Rossini: Tokyo 2021 con l’Italia? Io ci credo.

Fri, 03/04/2020 - 10:11

Ai giovani dico: credete sempre nei sogni

Salvatore Rossini, libero classe 1986 di Modena Volley e medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio con l’Italia, è intervenuto in una diretta Instagram della FIPAV Lazio, raccontando la sua quotidianità nei giorni del Coronavirus. Dall’altra parte dello schermo un intervistatore d’eccezione, il presidente del Comitato Regionale Andrea Burlandi. Questi i contenuti della chiacchierata social con il ragazzo nato a Formia, uno dei giocatori più rappresentativi del campionato di Superlega.

Come stai vivendo la quarantena?
Non è facile. Passiamo dallo stare tutti i giorni al palazzetto allo stare tutti i giorni a casa. Io ho la fortuna di avere un garage e l’ho adibito a palestra. Ho portato via alcune attrezzature dal Pala Panini. Ci continuiamo tutti ad allenare. È nostro dovere farci trovare pronti qualora il campionato dovesse ricominciare. Io continuo a giocare con la palla al muro come quando ero bimbo: fa bene a tutti, dai piccoli a chi sta in Serie A. Mi sto anche dedicando allo studio, l’altra mia grande passione (Rossini è laureato in ingegneria gestionale ndr)

Il Rossini papà
Bisogna trovare tanti stimoli. Non è facile per chi ha bambini piccoli e vive in appartamento saper punzecchiare la loro curiosità. Io cerco di non farlo annoiare o tenerlo tanto tempo davanti alla tv. Quando eravamo ragazzi giocavamo a nascondino in cortile o con la palla. Queste cose ora si possono fare, ma dentro casa. Bisogna avere fantasia. Io e Ricky eravamo già abituati a mettere le tre sedie in salotto e giocare uno contro uno, continuiamo a farlo!

Sul rapporto con la gente
La tecnologia ci aiuta a stare vicino ed è bello curare un rapporto con i tifosi che ci fanno sentire sempre a casa anche quando siamo lontani. Io sono di Formia, ma a Modena il calore della gente mi fa stare bene. Per me è importante avere un rapporto social con loro, soprattutto in questi giorni di sofferenza generale. Ovvio che scalpitiamo per tornare ad abbracciarci dal vivo. Ricevo tanti messaggi da bimbi e bimbe che mi chiedono consigli. Io cerco di aiutarli. In questi giorni condividiamo tutto: esercizi, esperienze, solidarietà. Oggi abbiamo riscoperto la serenità di stare in famiglia, la bellezza di un semplice momento passato in garage o davanti a un muro in cameretta a fare due palleggi. Giannelli dice che mi vede appannato? Non è vero (ride ndr). Guardo sempre la bilancia.

Sulle Olimpiadi di Tokyo
Io ci spero, vorrei andarci. Sono cresciuto a Formia che mai avrei immaginato di indossare la maglia della Nazionale più di 150 volte. La mia speranza del tricolore sul petto è sempre viva. Fortunatamente dal punto fisico sto molto bene. Così come quest’anno, proverò a dimostrare anche l’anno prossimo che mi difendo bene come fossi un giovane. Lo slittamento di un anno chissà, magari può aiutarmi. L’obiettivo per tutti dev’essere portare a Tokyo con la Nazionale di pallavolo più forte possibile. Con o senza Rossini, si tifa Italia!

Il Coronavirus a Formia e nel Lazio
Abbraccio virtualmente tutti, sperando di poterci vedere presto. In questi momenti mancano ancora di più gli affetti. Sono molto fiero di come la popolazione del Sud Pontino e del Lazio sta affrontando questo periodo. Vedo che le persone stanno osservando le misure del governo e sono fiero dei miei concittadini e della mia regione. La responsabilità di stare a casa oggi ci permetterà, tra qualche mese, di goderci le belle giornate di sole e di beach volley sul nostro litorale.

La passione per il beach volley
Nella speranza di poter concludere il campionato, perché vorrà dire che le condizioni generali in Italia saranno migliorate, sicuramente dopo mi piacerebbe tornare a casa per calpestare la sabbia che ha fatto crescere in me il fuoco del beach. Il beach volley e la pallavolo nelle nostre zone camminano insieme e per quanto mi riguarda sono sempre state due passioni parallele. Mi rivedrete all’ICS Beach Volley Tour Lazio perché mi diverto sempre tantissimo e rivedo tante persone a cui voglio bene.

I primi passi
In famiglia nessuno giocava a pallavolo. Quando ho iniziato Formia aveva una Serie D, dove si faceva pallavolo per passione. Mio padre faceva l’ingegnere e lavorava in fabbrica. Quando usciva da lavoro andava a fare qualche partitella con gli amici, io lo seguivo e così mi sono innamorato di questo sport. Filippo Giunta mi chiese se volevo far parte della Sud Pontino Pallavolo che ai tempi era allenata da Peppino Postigliola. In quell’anno ho conosciuto Antonio De Paola che poi è diventato un mio grande amico. Mi sono tolto le prime soddisfazioni a livello provinciale, poi sono andato a fare l’Under 17 a Latin, dove c’era già la Serie A. Sono cresciuto in qualche Serie B, poi ho fatto l’A2 a Città di Castello con Andrea Radici e successivamente la Serie A1 a Monza, di nuovo a Latina e successivamente Modena. Tutto contornato da estati di beach volley o di Nazionale.

Rossini al CQR Lazio
Giocai al Trofeo delle Regioni e fu un’emozione unica. Ero in panchina in quella squadra perché c’erano ragazzi molto più forti di me. Eravamo a Napoli, fu il primo anno in cui il Trofeo delle Regioni si giocava senza libero. Io facevo la quarta banda, entravo per il giro dietro e in battuta, cosa che curiosamente ho rifatto solo alle Olimpiadi. Anche lì purtroppo arrivammo secondi, come a Rio.

L’appello ai giovani
So che quest’anno le finali nazionali e il Trofeo delle Regioni non si faranno. Io ho dei bellissimi ricordi di quei raggruppamenti. Ci sentivamo gli eletti, quelli più bravi e più forti. Era bellissimo stare insieme e condividere le esperienze. Per la prima volta qualcuno si prende cura di te a livello professionistico. Gli allenamenti, le divise, la qualità dello staff: l’organizzazione del Lazio è sempre stata da Top Team. Ai ragazzi dico: “Non fermate i vostri sogni”. Io, ad esempio, non ho mai partecipato a un raggruppamento delle nazionali giovanili, ma dopo ho fatto parte per 7 anni della Nazionale maggiore. Non tarpate le ali ai vostri sogni, continuate a crederci sempre

Giorgio Marota
Ufficio stampa – Settore Comunicazione

Print PDF

Il Consiglio di Amministrazione convoca le tre Consulte

Fri, 03/04/2020 - 10:03

Preso atto del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio firmato ieri, che proroga le misure restrittive contro la diffusione del Coronavirus fino al 13 aprile, si è riunito oggi in videoconferenza il Consiglio di Amministrazione della Lega Pallavolo Serie A.

Valutate anche le dichiarazioni odierne del Ministro Spadafora circa una possibile ripartenza dello sport a maggio, sono state convocate per lunedì le tre Consulte per valutazioni sul prosieguo delle stagioni.

Print PDF

Pages

VNews

VolleyPlayers e Sport System hanno stretto un accordo che consente alle società iscritte al portale uno sconto extra del 5% per l’acquisto di attrezzature ed articoli per il volleyball. Dal 1979 Sport System progetta, produce, installa e commercializza in Italia e nel resto del mondo attrezzature ed articoli per la ginnastica, l’atletica, gli sport individuali e di squadra oltre ad una linea articolata di arredi ed accessori destinati ai vari locali annessi al campo di gioco quali spogliatoi, infermerie, sale stampa o sale riunione.

Volleyplayers.it, il più grande social database sulla pallavolo italiana, inaugura una nuova fase del progetto partito nel settembre 2014 e inaugura la sezione dedicata al beachvolley: si parte con il profilo “beacher” e con le schede dedicate alle Scuole di beachvolley.

Più di 1.000 players, 2.000 utenti  e più di 300 Società sportive hanno già fatto la loro scelta: essere sul database della Pallavolo più grande d'Italia. 
Potremmo darvi tanti motivi (è gratis, è una vetrina unica di promozione e visibilità, è un mercato sempre aperto,...) ma uno su tutti è l'essenza del nostro portale: "Facciamo girare la nostra Pallavolo"

Feedback